Home page

CITTÀ DEGLI ASPARAGI

Dalla fine di aprile fino a San Giovanni (24 giugno) i ristoranti locali locali attirano i buongustai con specialità create con i famosi asparagi di Schwetzingen.

CITTÀ DEGLI ASPARAGI

"Fino San Giovanni, non dimenticare, mangia asparagi per sette settimane!" Dalla fine di aprile fino a San Giovanni (24 giugno) i ristoranti locali locali attirano i buongustai con specialità create con i famosi asparagi di Schwetzingen. L'ortaggio reale, coltivato nel giardino del castello di Schwetzingen per la prima volta a metà del XVII secolo e riservato per la tavola del principe elettore, oggi può essere acquistato ogni giorno appena colto dal campo, al mercato degli asparagi nei cortili del centro storico di Schwetzingen o direttamente dalle fattorie specializzate.

Storia della coltivazione degli asparagi

Punta d'asparago

Innanzitutto uno sguardo alla Francia del XVII secolo: come per molti altri aspetti, il re Luigi XIV ha dato l'impulso iniziale nel settore della coltivazione degli asparagi. Aveva fatto piantare gli asparagi a Versailles per rendere la tavola reale più preziosa con questi ortaggi, considerati una particolare prelibatezza sin dall'antichità. Karl Ludwig, principe elettore del Palatino, non poteva resistere a questa passione e dal 1668 ha fatto coltivare "l'oro bianco" nel suo orto nell'area del castello da caccia a Schwetzingen. Il principe elettore Carlo Teodoro, che aveva trasformato il castello in una magnifica residenza estiva, ha fatto coltivare gli asparagi dalla metà del XVIII secolo fino alla sua partenza per Monaco di Baviera (1778).

Rinascimento della coltivazione degli asparagi

Caterina, la regina degli asparagi

Ci sono voluti diversi decenni, fino ad arrivare al 1820, quando il responsabile del giardino Johann Michael Zeyher ha riportato in vita la coltivazione degli asparagi nel giardino del castello di Schwetzingen. Da questo momento in poi, si è verificata un secondo periodo d'oro degli asparagi a Schwetzingen che prosegue fino al giorno d'oggi. Zeyher ed i suoi successori ne hanno raffinato la qualità in modo esponenziale. Dopo la fondazione della prima cooperativa asparagi del mondo nel 1853, sono state impiantate grandi coltivazioni dal 1870 e allo stesso tempo sono state avviate le attività di esportazione.

Asparagi in scatola

Max Bassermann ha fondato nel 1875 l'omonima fabbrica di conserve alimentari che si è specializzata nella conservazione di asparagi. Grazie a questo approccio il gusto degli ortaggi reali era garantito per tutto l'anno e per ampie fasce della popolazione. Nel 1894 ha avuto luogo il primo mercato degli asparagi ed è stata redatta la prima regolamentazione specifica.

Nuove coltivazioni e trionfo all'inizio del XX secolo

Dal 1899 Gustav A. Unselt, capo giardiniere del giardino del castello di Schwetzingen, e Franz Böhne, suo successore, sono riusciti ad ottenere le saporite coltivazioni "Schwetzinger Meisterschuss" e "Lucullus". Dopo il principe elettore Karl Ludwig nel XVII secolo, il principe elettore Carlo Teodoro nel XVIII secolo e Johann Michael Zeyher nel XIX secolo, Bassermann, Unselt e Böhne hanno portato  Schwetzingen nel XX secolo ad una considerazione mondiale che si riflette nelle definizioni di "capitale di asparagi" e "metropoli degli asparagi".

Pagina Facebook della regina degli asparagi di Schwetzingen

ALTRE INFORMAZIONI



Eventi

  • Mo
  • Di
  • Mi
  • Do
  • Fr
  • Sa
  • So
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30






Persona di contatto

Frau Dr. Barbara Gilsdorf
Kulturreferentin
Telefon: (0 62 02) 87-137
Fax: (0 62 02) 87-138
Gebäude: Hebelstraße 1
Raum: 110

Prenotazione

Anreise:
  
Nächte:
Personen:
Zimmer: